#DIGIfenditi

Il manuale di autodifesa digitale, realizzato in collaborazione con Roma VII Municipio, The Smart City Association Italy, Stati Generali dell’Innovazione e EWMD Italia. 

Un mondo sempre più iper-connesso e non solo per scopi professionali ma anche nella quotidianità. Tecnologie abilitanti a migliorare processi e una velocità quasi real-time nel reperire informazioni, cosa possibile con l’avvento di internet oltre trent’anni fa. 

Oggi internet è diventato strumento essenziale per restare in contatto con familiari e amici, per gli acquisti, per informarci, per avere indicazioni su dove andare o sui mezzi di trasporto, per pagare i conti, per ascoltare musica e molto altro.  

Ma non dobbiamo sottovalutare i rischi che ne derivano; se da un lato ci offre molte possibilità non dimentichiamo che ci possono essere persone sia conosciute che sconosciute che attraverso internet cercano di avere informazioni su di noi anche senza il nostro consenso.  
Vero è che si possono intraprendere azioni semplici per essere protetti da queste persone e dalle minacce della rete in generale. È importante però prendere coscienza del fatto che in primo luogo la nostra sicurezza online è nelle nostre mani: siamo noi a gestire la nostra identità online.  

Proprio sul tema della consapevolezza nell’utilizzo degli strumenti digitali si trova a riflettere Flavia Marzano, ex assessore di Roma city, durante un incontro presso una casa rifugio, luogo sicuro che ospita donne che hanno subito violenze. 

Nasce così l’idea di creare un libretto nel quale si potranno trovare alcuni semplici suggerimenti per un uso più consapevole dello smartphone, dei social network, delle password, delle app, della posta elettronica, delle chat, di tutto ciò che può e deve essere usato con maggiore attenzione pur restando parte della nostra vita. 

Prende così vita il manuale di autodifesa digitale, che abbiamo realizzato in collaborazione con Roma VII Municipio, The Smart City Association Italy, Stati Generali dell’Innovazione e EWMD Italia. 

Cardine, in questo percorso, il contributo di The Smart City Association Italy, nella figura di Giordana Francini, dalla quale è nato il ponte verso le aziende tecnologiche e che ha portato al nostro coinvolgimento fornendo competenze grazie al team composto da Giancarlo Gervasoni, Elis Colosio, Francesco Bertoletti, Alberto Zanetti e Alessandra Frassine. 

Presenti anche realtà universitarie come l’Accademia di Belle Arti Santa Giulia che hanno donato un vestito grafico al progetto. 

In questo modo vogliamo insieme divulgare semplici azioni da intraprendere per essere protetti dalle minacce della rete. L’entusiasmo che ci contraddistingue stavolta non è stato destinato al business, ma alla gratuita condivisione del sapere. 

Clicca qui sotto 👇🏼 per scaricare il manuale di difesa digitale!


i